“Ridurre fino all’essenza senza però togliere la poesia”

— Dieter Rams

About

Mutech è l'espressione creativa di Giuseppe Guariniello design manager, user experience designer, artista audiovisivo e insegnante che produce da 15 anni esperienze digitali che hanno un forte impatto nella realtà.

“Mutech” nasce nella seconda metà degli anni ’90 quando si inizia a parlare di “Essere digitali” all’inizio di quella rivoluzione che in brevissimo tempo avrebbe investito le nostre vite. Mutech si occupa da subito di “mutazione” e “tecnologia” negli anni cruciali del passaggio dall’analogico al digitale.

In un mondo complesso, dove la tecnologia cambia quotidianamente il modo in cui interagiamo, pensiamo al business, all’arte ed alla creatività, essere flessibili e avere un approccio interdisciplinare sono caratteristiche indispensabili per affrontare le sfide della trasformazione digitale.

In questo scenario Mutech Digital realizza prodotti digitali come siti web, app, performance audiovideo ed installazioni per fornire a persone e aziende gli strumenti necessari a comunicare, interagire e vivere meglio sfruttando al massimo la forza dei network e le potenzialità offerte dalla digital transition.
Ogni prodotto viene progettato sulla base di precise strategie e sviluppato grazie alla creazione e all’organizzazione di team creativi e visionari, capaci di gestire in modo ottimale la complessità specifiche di ciascun progetto, dalla comprensione dei bisogni degli stakeholders alla realizzazione dei deliverables.

Selected clients and collaborations

Balich Worldwide Shows
Drago Publishing
E-distribuzione
Enel
Fincons Group
Fine Living Tv
Gore Tex
GQ
IED – Istituto Europeo di Design
IN/ARCH – Istituto Nazionale di Architettura
Librerie Arion
Nike
Niko Romito
Nokia
Pescerosso Comunicazione
Piano B
Repubblica.it
Save the children
TIM
Unicity
WIRED
Wittenstein

DIGITAL: Web, UX/UI design & digital strategy

Le nostre interazioni e le nostre esperienze esistono in un modo virtuale al quale accediamo principalmente grazie agli schermi dei nostri device, si nutrono di dati presenti in nuvole (Cloud Computing) che vengono elaborati grazie ad algoritmi di intelligenza artificiale (AI) e a macchine che imparano (ML). Nella sezione “DIGITAL” trovate i progetti realizzati utilizzando queste tecnologie veicolate in modo totalmente immateriale o virtuale attraverso interfacce (UI).

Tra questi i progetti gestiti per Fincons Group dal 2016 ad oggi che comprendono la creazione di siti, app e aree riservate del Gruppo Enel. L’obiettivo è sempre quello di creare user experience e strategie digitali che pongano l’uomo al centro del processo di design.

Grazie alla collaborazione con brand internazionali e agenzie di comunicazione dal 2009 sperimenta nuove forme di creatività digitale con l’obiettivo di creare una ibridazione tra web, installazioni e performances audiovisive.

L’attività di web designer prende forma nella redazione di Repubblica.it dal 2005 al 2009, periodo in cui il web si trasforma in un vero fenomeno di massa.

Selected web design & development, digital art direction

2015
Inarch Edu – Istituto Nazionale di Architettura
Ostiense District

2014
Drago Edizioni
Italia Unica

 

2013
Ma0 Studio di Architettura
Moi Laboratori Cosmetici

 

2012
Camera & Cucina
BArtist Agency
High Tel Towers

2011
Underadio per Save the children
Wittenstein Cubesolutions
Fefè Visual Magazine
Ad Hoc Culture
Praecipua Studio Legale
Media Aid Onlus

 

2010
Abstract Groove
Area FranCeram
Creazina Webzine per IED Roma
Librerie Arion
Fefè Web Radio per IED Roma

Dal 2005 al 2009
Web designer & developer Senior per Repubblica.it

PHYSICAL: installations, audiovisual, interaction

Gli schermi dei nostri device sono solo alcuni dei modi di interagire e creare esperienze grazie alle tecnologie digitali. Installazioni, ambienti sensibili, oggetti connessi (IoT), sensori e algoritmi possono essere utilizzati per creare potenti esperienze immersive. Nella sezione “PHYSICAL” sono raccolti i progetti creati grazie alla sperimentazione e alla ricerca digitale che entrano negli spazi fisici e contribuiscono a creare una nuova realtà aumentata.

Tra questi i progetti realizzati per il Padiglione Italia durante l’Expò di Milano nel 2015: le installazioni “Chaos Room” e “La potenza della bellezza”.

Le ambientazioni visive per i live show musicali dei Wired Next Fest di Milano e Firenze dal 2014 ad oggi.

La performance audiovideo SotS – Sound of the Spheres una incredibile esperienza onirica realizzata per la prima volta nel 2016 per Il Planetario Ulrico Hoepli di Milano e poi replicata nel 2016 anche per il MAXXI ed il MACRO di Roma.

Dalla fusione di scienza, filosofia e misticismo nasce nel 2010 Ind – I need darkness un progetto artistico che si declina in molteplici forme come la performance per il Planetario di Roma (2012, Musei in Musica) e l’installazione per la mostra collettiva This is Rome (2013) in cui diventa centrale il rapporto fra uomo e acqua, aria, terra e fuoco.

Visual artist e creatore di installazioni per festival ed istituzioni italiane ed internazionali come MAXXI, Macro, Elettrowave, Audiovisiva, Prado (ES), Flussi Festival, Neapolis Festival, Oddstream Festival (NL), Zètema, Kunsthaus (UK), Netaudio Festival (UK).

Ha condiviso la consolle con artisti del calibro di Röyksopp, Hot Chip, Jon Hopkins, Neneh Cherry, 2manydjs, Apparat, Tiga, Howie B, Fatima al Qadiri, Rrose, Deena Abdelwahed, The Bloody Beetroots, Crookers, Barbara Morgenstern, Anja Schneider, LP, Jain, Vladislav Delay e molti altri. Nel 2008 è il vj testimonial del Nokia Trends Lab Tour.

Personal artworks, research, experimental

SotS – Sound of the Spheres

Progetto di ricerca audiovisiva che nasce dalla teoria della “Musica delle sfere” di Pitagora secondo cui i corpi celesti dell’universo producono un suono armonico.

Scopri di più →

2017
Fotonica Festival (A/V performance)
MACRO Museo d’Arte – Roma

Spring Attitude Festival (A/V performance)
MAXXI – Roma

2016
WIRED NEXT FEST (A/V performance)
Planetario Ulrico Hoepli – Milano


Moirai

Uomo, destino, divinità e libero arbitrio in una live performances dal forte contenuto tecnologico per far convivere antichi miti e matematica. Realizzata negli spazi della Fondazione VOLUME! nel 2016.

Scopri di più →


Ind – I need darkness

Progetto multimediale che nasce dalla fusione tra lo spazio reale ed ideale, da origine ad una serie di performances ed installazioni realizzate per festival ed istituzioni culturali dal 2010 al 2015.

Scopri di più →

2015
Live Cinema Festival (A/V performance)
Piazza dell’Immacolata – Roma

EXPO 2015 – La potenza della bellezza (installation – sound design)
Padiglione Italia – Milano

2025 Festival – Field Test IV: Conjunction (A/V performance)
Ex Cartiera Latina – Roma

2014
MYS-SING THINGS (installation)
Palazzo Velli in Trastevere – Roma

2013
This Is Rome (interactive installation)
Ex GIL Largo Ascianghi – Roma

2012
Musei in musica (A/V performance)
Planetario e Museo Astronomico – Roma

Live Performers Meeting (A/V performance)
Alpheus – Roma

2011
Flussi MediaArts Festival (live visuals)
Teatro Carlo Gesualdo – Avellino

Oddstream Festival (live visuals)
Nijmegen – Holland

2010
Kaleidoscope Festival (A/V performance)
Castel Sant’Elmo – Napoli


2010
Installazioni Ambientali (interactive installation)
Palazzo Penna – Perugia

M_M_M (A/V performance)
Pianeti Proibiti – Teatro Argot Studio – Roma

Open Up (interactive installation)
Medialab Prado – Madrid (Spain)

2009
Architecture Deconstruction (A/V performance)
Brancaleone – Roma

Architecture Deconstruction (A/V performance)
Romaeuropa Webfactory – Opificio Telecom Italia – Roma

2008
MutechLab Crew (A/V performance)
Netaudio – Londra (UK)

More complexity with Pole (live visuals)
Kaleidoscope Festival – Napoli

Live cinema (A/V performance)
Dancity Festival – Foligno

MutechLab Crew (A/V performance)
Live Performers Meeting 2008 – Roma

Mutations (live visuals)
AUDIOVISIVA 5.0 – Milano

Mutations (live visuals)
Homework Festival 6 – Bologna

2007
Mutations with Apparat (live visuals)
Kaleidoscope Festival – Napoli

2006
Fragments with Tiga (live visuals)
Neapolis Festival – Napoli

2004
Fragments with Luomo (live visuals)
La Palma Club – Roma

RESEARCH: creative teaching, workshops, blogging

Affascinato da come la tecnologia da forma alla nosta vita e da come la nostra vita influenza la tecnologia ed il design credo sia indispensabile portare avanti una esplorazione nell’ambito delle tecnologie emergenti ma anche andare a fondo su come l’uomo fa esperienza del mondo. Un approccio olistico e multidisciplinare sviluppato utilizzando dal 2008 al 2016 le potenzialità delle piattaforme di creazione di contenuti web based con il progetto Mutech Lab, veicolato in numerosi workshop e sostenuto durante le lezioni per l’Istituto Europeo di Design (IED), per l’Istituto Nazionale di Architettura (IN/ARCH) e in altre scuole di design.

Dal 2008 collabora con lo Ied di Roma dove insegna discipline attinenti al web e all’interface design in molteplici indirizzi di studi (graphic e digital design, fotografia, comunicazione pubblicitaria). Ha coordinato per lo Ied il Corso di Formazione Avanzata in Web design.

Creative teaching

Dal 2009 – In corso
Docente di web/interface design presso lo IED di Roma, corso triennale di Graphic Design.

2014-2018
Coordinatore del Corso di Formazione Avanzata in Web Design per lo IED di Roma.

2014-2018
Docente di web design presso lo IED di Roma, corso triennale di Comunicazione pubblicitaria.

2014-2016
Docente di web design presso lo IED di Roma, corso triennale di Fotografia.

2014-2015
Docente di web e multimedia design per l’IN/ARCH – Istituto Nazionale di Architettura.

2009-2010
Docente di web design presso lo IED di Roma, corso triennale di Digital design.

2008-2009
Responsabile dei progetti di tesi dei corsi triennali di Sound e Digital design.

2005-2006
Docente di graphic design e direct marketing per GM Servizi.